Adotta un ospedale per bambini

  • Luogo: ASMARA, ERITREA
  • Cosa facciamo: RIABILITAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO
  • A chi è rivolto: 30.000 BAMBINI ERITREI
  • Cosa puoi fare: DONA 10 € AL MESE

Titolo del progetto

Adotta un ospedale per bambini

Luogo di Intervento

Asmara, Eritrea

Descrizione dello Scenario

La salute dei bambini è una delle principali emergenze dell’Eritrea, così come di tutti i paesi in via di sviluppo. Le principali cause di mortalità infantile 0-5 anni in Eritrea e le principali ragioni per cui si ricorre alle strutture sanitarie sono polmonite, diarrea, malaria e malnutrizione, oltre alle cause neonatali (infezioni, nascite premature e sottopeso, asfissia al parto) che incidono per oltre un quarto (27%) sul totale della mortalità 0-5 anni (fonte Unicef).
L’Eritrea sta facendo grandi passi avanti nella lotta alla mortalità infantile, con una riduzione del 4% l’anno nell’ultimo decennio, grazie soprattutto al lavoro fatto dal Ministero della sanità sul controllo della malaria, la prevenzione delle malattie infettive con le vaccinazioni (90% di copertura, con l’eliminazione del morbillo), e ai miglioramenti nella prevenzione e nella cura delle principali malattie cause di morte di bambini.
Annulliamo la Distanza ha già realizzato importanti interventi di cooperazione nell’ambito della sanità pediatrica, primo fra tutti la ristrutturazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale Pediatrico Orotta di Asmara (l’unico ospedale per bambini sul territorio eritreo che ogni anno ospita 30,000 bambini) nel 2004, in collaborazione con il Ministero della Sanità eritreo e l’Ospedale Meyer di Firenze, e con il supporto della Regione Toscana. Dopo quasi dodici anni, un nuovo intervento sulla struttura era necessario al fine di far fronte ai problemi di salute della moltitudine di bimbi che vivono in Eritrea: in accordo con il Ministero della Sanità del Governo Eritreo e la Direzione dell’Ospedale Orotta, abbiamo deciso di intervenire sulla struttura con interventi murari e di fornitura di attrezzature mediche.

Il progetto

Grazie ad un co-finanziamento della Delegazione dell’Unione Europea di Asmara e della Regione Toscana e grazie alla collaborazione con l’Ospedale Maggiore Carlo Pizzardi di Bologna e con l’Ospedale Meyer di Firenze, da dicembre 2016 a giugno 2020 siamo riusciti a ristrutturare e arredare il pronto soccorso pediatrico, acquistare attrezzature mediche e di materiale di consumo, svolgere cinque corsi di formazione per il personale medico e sanitario formando oltre 110 giovani medici eritrei e stilare un progetto di ricerca sull’incidenza del diabete in età pediatrica. Ora la nostra intenzione è di cercare di  mantenere ciò che è stato costruito con tanti sacrifici:un bene manutenuto, sia esso un immobile, un impianto o un’attrezzatura, è un bene che si trova nella condizione di poter svolgere le proprie funzioni. Una buona manutenzione, eseguita da personale qualificato e con tempistica adeguata, può migliorare le prestazioni dei beni, può ridurre i costi di gestione od esercizio, può contenere il consumo energetico e, in generale, i costi della manutenzione complessivi. L’ambito sanitario, e gli ospedali in particolare, necessitano di un’attenzione particolare alla manutenzione. Per curare i pazienti in sicurezza e garantire il conseguimento delle performance attese in un ambiente sicuro, è fondamentale garantire affidabilità, disponibilità e continuità di esercizio degli immobili, degli impianti e delle attrezzature. Manutenzione e sanità rappresentano dunque un binomio inscindibile, delicato, complesso, strategico. Per questo motivo, ora ci poniamo l’obiettivo di fornire assistenza sia in termini finanziari sia in termini di competenze per il buon funzionamento degli immobili, impianti e attrezzature presenti all’interno del complesso ospedaliero Orotta.

Risultati raggiunti

Il 24 ottobre 2019 è stato un giorno importante per la nostra associazione.Dopo immensi sforzi abbiamo inaugurato il pronto soccorso all’Ospedale Pediatrico Orotta di Asmara che ogni anno accoglie oltre 30.000 bambini. Nella stessa settimana, grazie alla collaborazione con l’ospedale Meyer di Firenze e Maggiore di Bologna, sono stati formati oltre 110 giovani medici eritrei. Ti invitiamo a guardare l’anteprima video di 2 minuti relativa a  questi avvenimenti realizzata da Andrea Mafrica.
Altre sfide ci attendono. Vogliamo ristrutturare l’intero ospedale pediatrico e manutenere ciò che è stato costruito. Anche tu puoi darci una mano.
Grazie.
“I BAMBINI PRIMA DI TUTTO”