Adotta un ospedale per bambini

  • Luogo: ASMARA, ERITREA
  • Cosa facciamo: RIABILITAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO
  • A chi è rivolto: 30.000 BAMBINI ERITREI
  • Cosa puoi fare: DONA 10 € AL MESE

Titolo del progetto

Adotta un ospedale per bambini

Luogo di Intervento

Asmara, Eritrea

Descrizione dello Scenario

La salute dei bambini è una delle principali emergenze dell’Eritrea, così come di tutti i paesi in via di sviluppo. Le principali cause di mortalità infantile 0-5 anni in Eritrea e le principali ragioni per cui si ricorre alle strutture sanitarie sono polmonite, diarrea, malaria e malnutrizione, oltre alle cause neonatali (infezioni, nascite premature e sottopeso, asfissia al parto) che incidono per oltre un quarto (27%) sul totale della mortalità 0-5 anni (fonte Unicef).
L’Eritrea sta facendo grandi passi avanti nella lotta alla mortalità infantile, con una riduzione del 4% l’anno nell’ultimo decennio, grazie soprattutto al lavoro fatto dal Ministero della sanità sul controllo della malaria, la prevenzione delle malattie infettive con le vaccinazioni (90% di copertura, con l’eliminazione del morbillo), e ai miglioramenti nella prevenzione e nella cura delle principali malattie cause di morte di bambini.
Annulliamo la Distanza ha già realizzato importanti interventi di cooperazione nell’ambito della sanità pediatrica, primo fra tutti la ristrutturazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale Pediatrico Orotta di Asmara (l’unico ospedale per bambini sul territorio eritreo che ogni anno ospita 30,000 bambini) nel 2004, in collaborazione con il Ministero della Sanità eritreo e l’Ospedale Meyer di Firenze, e con il supporto della Regione Toscana. Dopo quasi dodici anni, un nuovo intervento sulla struttura è necessario al fine di far fronte ai problemi di salute della moltitudine di bimbi che vivono in Eritrea: in accordo con il Ministero della Sanità del Governo Eritreo e la Direzione dell’Ospedale Orotta, abbiamo deciso di intervenire sulla struttura con interventi murari e di fornitura di attrezzature mediche.

Il progetto

Il progetto ha come obiettivo il miglioramento del livello qualitativo dei servizi di sanità pubblica in Eritrea attraverso opere di ristrutturazione ed edificazione di strutture sanitarie pediatriche e di fornitura di materiale medico. Il progetto mira a garantire ai bambini condizioni basilari di salute che, oltre a costituire un diritto, sono condizione indispensabile per iniziare a costruire una cultura di pace e non violenza, fondamentali per il futuro di questo paese. Tutto ciò deve passare attraverso un’opera di efficace diagnosi e cura, ma anche e soprattutto di prevenzione, educazione e informazione per le madri e più in generale per le famiglie.
Nello specifico, saranno implementate le seguenti attività:
1) Ristrutturazione del pronto soccorso pediatrico con lavori di:
-Pittura dei muri interni ed esterni alla struttura
-Rifacimento del pavimento
-Rifacimento dei bagni
–Rifacimento del sistema elettrico
2) Fornitura di attrezzature mediche e di materiale di consumo
3) Corsi di formazione per il personale medico e sanitario in collaborazione con l’Ospedale Maggiore Carlo Pizzardi di Bologna e l’Ospedale Meyer di Firenze, con i quali AnlaDi ha stipulato una Convenzione.
4) Progetto di ricerca sull’incidenza del diabete in età pediatrica, in collaborazione con l’Ospedale Maggiore Carlo Pizzardi di Bologna
Il progetto è co-finanziato dalla Delegazione dell’Unione Europea di Asmara e da fondi privati di Annulliamo la Distanza. Si è usufruito anche di un contributo della Regione Toscana.

Risultati raggiunti

I lavori di ristrutturazione del Pronto soccorso sono cominciati a febbraio 2019. Il sistema elettrico e idraulico sono stati rifatti. Si stima di terminare i lavori entro Dicembre 2019. Attrezzature mediche e materiale di consumo sono stati acquistati e donati all’Amministrazione Ospedaliera. A maggio 2019, si è tenuto il quarto corso di formazione per medici e infermieri sulle tecniche di soccorso PBLS e EPALS. Il progetto di ricerca è cominciato nel febbraio del 2018 per 24 mesi: dati parziali sono stati analizzati e sono oggetto di approfondita analisi da parte dei ricercatori coinvolti.